• IL PALAFLORIO: Concerti - Spettacoli - Eventi Sportivi a Bari
19 OTT 2013

Liomatic CUS Bari alla ricerca del primo sorriso della stagione

Reagire e crescere! Questi gli imperativi per la Liomatic Cus Bari dopo l’avvio non esattamente esaltante nel campionato di LegaDue Silver. Due sconfitte brucianti nelle prime due giornate, ben 78 punti di passivo incamerati, squadra che si è espressa a sprazzi con molti più bassi che alti alternando buone giocate a periodi di assoluto black-out. E se pure l’avversario di quella che, domenica 20 ottobre al Palaflorio con fischio di inizio alle 18, vuole essere per i colori biancorossi la gara del riscatto non è certo dei più agevoli, gli abruzzesi degli Sharks Roseto, formazione tra le più competitive del torneo, da Jovanovic e soci ci si aspetta una prova più continua e più intensa sul piano del gioco. “Abbiamo ferma intenzione di regalare a tutti noi, società e tifosi, il primo sorriso della stagione” – le parole di coach Francesco Raho – “evitando quelle amnesie che nelle due partite precedenti hanno portato a risultati negativi. Abbiamo imparato che a questi livelli anche un secondo di disattenzione si paga a caro prezzo. Però stiamo lavorando bene, con serietà ed impegno quotidiano e sono sicuro che continuando di questo passo coglieremo i frutti sperati. Per domenica confidiamo nel supporto del nostro pubblico, che invitiamo a stare vicino al team e a sostenerlo dal primo all’ultimo minuto”. Certo Roseto per classe ed esperienza fa quasi paura. “È uno dei roster più equilibrati del campionato tra reparto esterni ed interni” – il commento del tecnico salentino della Liomatic Cus Bari – “una squadra che fa della corsa e dell’uno contro uno le sue caratteristiche principali. Hanno giocatori di grande caratura che a questi livelli possono fare la differenza e non è un caso che abbiano già messo sotto compagini sulla carta superiori. Ma non dobbiamo spaventarci: se mettiamo a frutto quanto imparato anche dagli errori commessi nelle ultime gare possiamo costituire per loro un ostacolo più duro del previsto”.

CONDIVIDI SU: