• IL PALAFLORIO: Concerti - Spettacoli - Eventi Sportivi a Bari
26 APR 2013

Liomatic Group Cus Bari, pericolo playout da esoricizzare

Tre partite alla fine della regular season e dopo un intero campionato passato a sognare in grande per un possibile inserimento nella griglia dei playoff promozione, la Liomatic Group Cus Bari si trova nella scomoda situazione di dover ritrovare a tutti i costi la vittoria per allontanare ogni cattivo pensiero circa il proprio coinvolgimento nella lotta per evitare i playout. Così, dopo tre sconfitte consecutive che hanno inaspettatamente complicato la classifica dei cussini, la compagine biancorossa ha scelto di fare quadrato nel tentativo di conquistare quanto prima i punti necessari per rimettere le cose a posto. Prima occasione il match del Palaflorio di domenica pomeriggio (fischio di inizio alle 18) con il Firenze, formazione alquanto ostica da affrontare, assiepata a metà della graduatoria di Divisione Nazionale A con i suoi 32 punti, due in più dei ragazzi di coach Putignano. Ma perché l’operazione aggancio si concretizzi per Ruggiero e compagni è necessario che tutti facciano la propria parte, a cominciare dal caldissimo pubblico barese, che deve tornare ad essere l’uomo in più del team del capoluogo pugliese, mettendo da parte qualche malumore emerso per gli ultimi risultati non proprio esaltanti. In questo quadro si inserisce l'accorato appello del direttore sportivo cussino Donato Ravelli. "Ritengo doveroso a nome della società e mio personale riconfermare la piena fiducia nella nostra squadra e nello staff tecnico che in queste due stagioni agonistiche hanno così ben rappresentato la nostra società a livello nazionale” – le parole del dirigente del club biancorosso – “vorrei ricordare a tutti che dopo tanti anni di totale anonimato del basket barese, il Cus Bari del Presidente Laforgia assieme alla Nuova Pallacanestro Bari del dottor Ronzo hanno avuto il coraggio di intraprendere un’avventura difficile e rischiosa ma sempre nella coerenza di una società che rispetta gli impegni presi con tutti e che preferisce avere i piedi saldamente per terra. Sicuramente la squadra che abbiamo allestito ci permetterà di arrivare all’obbiettivo primario e realistico che la società ha indicato ad inizio stagione allo staff tecnico, cioè la conferma della serie che dall’anno prossimo si chiamerà LegaDue Silver. Ed è per questo che chiedo a tutti, squadra, staff tecnico, dirigenti e tifosi, di stringersi attorno a questa squadra, che è una risorsa importante per il futuro della pallacanestro a Bari".

CONDIVIDI SU: