• IL PALAFLORIO: Concerti - Spettacoli - Eventi Sportivi a Bari
4 Nov 2018

GHALI in "Urban Fantasy Tour"

Dai palazzi ai palazzetti: è tutta nel sottotitolo del suo primo tour nelle più importanti arene indoor nazionali, "Urban Fantasy" la parabola di Ghali, nuova superstar della scena musicale italiana che sarà al Palaflorio il prossimo 4 novembre (concerto sold-out da tempo). Un talento straordinario che va oltre i confini della scena rap dalla quale proviene e che lo ha portato in brevissimo tempo a diventare un idolo per gli adolescenti, mietendo record su record: le views dei suoi video su YouTube hanno superato i 450 milioni, dopo aver battuto tutti i primati con “Cara Italia” prodotto da Charlie Charles che, in poche ore dall’uscita, si è guadagnato la posizione n.1 nella TOP 200 charts di Spotify e ha raggiunto 4.200.000 views su youtube in un solo giorno. Per non parlare dei numerosissimi brani certificati multiplatino, da“Ninna Nanna” (quadruplo platino) a “Habibi” (triplo platino), passando per “Happy Days” (triplo platino), “Pizza Kebab” (doppio platino), “Ricchi Dentro” (doppio platino), “Lacrime” (platino) o della sua prima raccolta, “Album”, in testa alla classifica degli album che hanno registrato più streaming su Spotify.

Un amore infinito per l’artista milanese nato da genitori tunisini, il cui live è molto più di un semplice concerto: suddiviso in tre atti, lo show, con la regia e il set design di Giò Forma, è un vero e proprio racconto della sua storia, in cui si mescolano musica, cinema, teatro e moda in modo divertente ma non privo di riflessioni e denunce sociali. Anche a livello visual lo spettacolo è ricchissimo e fortemente interattivo, grazie a varie tecnologie: dietro Ghali scorrono immagini di repertorio, versioni cartoonesche e spot tv, mentre a tenere le redini della trama ci pensa Jimmy, l’amico immaginario dell’artista, una presenza costante con cui il rapper riesce a interagire, ricordando il suo percorso, a partire dalla sua infanzia.

Ma i veri protagonisti sono ovviamente i suoi brani, diretti, profondi e non convenzionali, con la loro metrica originale su basi in stile R’N’B, secondo l’influenza del suo idolo dichiarato, Michael Jackson: un rap molto pop che mette d’accordo tutti, coinvolgendo un pubblico vastissimo ed eterogeneo fatto di ventenni, trentenni e famiglie al completo e che si riconosce nel forte vissuto che emerge impetuoso nei testi. Ad accompagnare Ghali sul palco DJ Dev, le coriste Nadia Guelfi e Jennifer Vargas Antela e una live band composta da Gianluca Ballarin alle tastiere, Leonardo Di Angilla alle percussioni e Luca Marchi al basso in circa due ore di show, godibilissimo, con tutti i pezzi che ne hanno decretato un successo strepitoso. Pezzi che delineano un racconto urbano, reale e poetico in cui si parla di strada, di sogni, di cartoni animati, ma anche di guerra e di razzismo, sempre in modo divertente, sdrammatizzandole. E alla fine il messaggio arriva!

CONDIVIDI SU: